Amore secondo platone…

PLATONE, Simposio, IV secolo a.C.

PLATONE, Simposio, IV secolo a.C.

Amante del tutto indegno e volgare è colui che ama più il corpo che l’anima, perché costui, infatti, non è costante, preso com’è da cosa che non dura. Quando, infatti, sfiorisce la bellezza del corpo, di quel fiore che amava, ‘egli fugge lontano’, scompare e addio promesse e belle parole; mentre l’innamorato della bellezza morale rimane tale per tutta la vita, come congiunto e saldato a una realtà che non muta.

Segui per rimanere sempre aggiornato.

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: